Domande e risposte: benzina a 100 ottani, additivi e bioetanolo

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Domande e Risposte | il 15-02-2016

Domanda

Ciao e Buongiorno,
Ho 2 dubbi che non sono riuscito a chiarirmi in quanto su internet si leggono sempre pareri discordanti.
Il primo riguarda l’utilizzo di benzina “speciale”, quella a 100 ottani. Molti dicono che grazie al ritardo di scoppio e agli additivi andrebbe preferita; altri sostengono che sciupi candele, guarnizioni e motore! Tu cosa pensi?
L’altro dubbio riguarda il rimessaggio invernale; come va trattato il serbatoio?! Pieno, vuoto, metà, con benzina “speciale” o con l’aggiunta di additivi?

Risposta

Buongiorno!
Credo di poter rispondere con discreta sicurezza alle tue domande.
Io possiedo due moto ed una di queste rimane ferma per 4 mesi all’anno.
Prima di “metterla via” faccio il pieno di benzina, così si forma meno condensa all’interno del serbatoio. Lasciandolo mezzo vuoto si accumulerebbe umidità sulle sue pareti interne e la benzina verrebbe contaminata dall’acqua. Inoltre scollego i cavetti della batteria per interrompere l’assorbimento di corrente durante il periodo di pausa. La batteria ha 6 anni di vita e per il momento non mostra segni di cedimento.


In secondo luogo io viaggio spesso all’estero e lì la benzina a 100 ottani è piuttosto comune (costa un po’ meno della nostra 95 ottani). Avrò eseguito almeno una trentina di pieni con benzina a 100 ottani e la mia Honda ha 120.000 km. Il motore è perfetto. Secondo me non fa alcun tipo di danno sui propulsori moderni. Non saprei dirti invece i suoi effetti su un motore un po’ più datato, per esempio degli anni ’90.

Al contrario penso che sia meglio evitare il carburante contenente etanolo. Di solito viene indicato come sp95 E10:
Senza-Piombo-95-ottani Etanolo 10%.
Si trova sia in Italia che all’estero e rappresenta il nuovo business delle compagnie petrolifere. Il bioetanolo viene ricavato da apposite coltivazioni e la sua produzione costa pochissimo.


Lo scopo dei petrolieri è quello di immettere nel corso del tempo maggiori quantità di etanolo nella benzina (E15 – E20 ecc). Peccato che esso sia incompatibile con le guarnizioni e le parti in gomma dei motori non espressamente progettati per utilizzarlo. Non bastasse ciò, tale carburante riduce il numero di chilometri percorsi con un pieno essendo l’etanolo caratterizzato da un potere calorifico inferiore a quello della benzina.

Il pretesto per giustificarne l’utilizzo è il solito di sempre: minor inquinamento. Dato che l’etanolo produce meno residui inquinanti quando viene bruciato (rispetto alla benzina pura), gli Stati stanno producendo leggi che ne legalizzano la miscelazione con la benzina. Alla fine l’inquinamento resta tale e quale poiché per percorrere la stessa distanza serve una maggior quantità di carburante. Così noi spendiamo di più, crediamo di essere ecologici e le compagnie petrolifere si arricchiscono.

benzina-con-bioetanolo-e10Guai a fare il pieno di benzina E10 prima di lasciare ferma la moto in garage! L’etanolo attira l’umidità, pertanto non va lasciato all’interno del serbatoio per più di qualche giorno o settimana.

Sugli additivi ci sarebbe da discutere… temo che ce ne siano di buoni e di meno buoni. Di certo ti consiglio di lasciar perdere le pastiglie che promettono di farti risparmiare carburante.
Su questo tema non sono del tutto ferrato, ma azzardo comunque una riposta: meglio puntare su quelli professionali, che costano di più ma so che vengono utilizzati anche da certe officine. Io faccio due pieni all’anno con un additivo che promette di ripulire camere di scoppio, valvole e candele (marca Liqui Moly). Mai avuto problemi alle candele, finora. Con l’ultima candela all’iridio ho percorso 54.000 km e quando l’ho sostituita sinceramente non ho notato alcuna differenza, perciò presumo che essa funzionasse ancora bene.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Commenti

Numero di commenti su questo articolo: 9
(Domande e risposte: benzina a 100 ottani, additivi e bioetanolo)

  1. Ciao Luca!
    L’additivo di cui parli era per caso questo? http://www.amazon.it/gp/product/B00295EM0S?keywords=additivo%20liqui%20moly%20moto&qid=1455704902&ref_=sr_1_2&sr=8-2

    In che modo vanno usati questi additivi? E in quale quantità?

  2. Ciao Fabrizio! Nel link che hai inserito vedo un additivo anti-usura da mescolare all’olio motore.

    Il ragazzo che ha posto la domanda parlava invece degli additivi per il carburante, quelli che dovrebbero eliminare i residui della combustione all’interno delle camere di scoppio. Vanno aggiunti al pieno di benzina, non all’olio motore come quello che hai segnalato.

    Se sei interessato agli additivi anti-usura, io mi sentirei di sconsigliarteli. Piuttosto punta su un olio motore sintetico al 100%. Gli additivi lasciano dei residui dentro il motore e il loro effetto è temporaneo (anche se scrivono sulle confezioni che durano decine di migliaia di km).

  3. Ciao Luca!
    Come sempre utilissimi i tuoi articoli, anche quando si parla di domande e risposte.
    Per quanto riguarda l’etanolo nella benzina ne avevo già sentito parlare su qualche manuale d’uso delle mie moto, ma onestamente non ho mai trovato alcuna indicazione al rifornimento…mi chiedo a questo punto se sono stato sempre fortunato a mettere benzina pura oppure non ho mai saputo dove guardare di preciso. Sicuramente riuscirai a darmi qualche delucidazione al riguardo, ti ringrazio in anticipo perciò.

  4. Oddio hai ragione, ho sbagliato a selezionarlo tra la lista degli articoli su Amazon :D
    Intendevo questo, parlando della marca da te citata (poi ho visto che ci sono vari produttori, anche la Bardhal se non erro): http://www.amazon.it/Liqui-Moly-Detergente-additivo-carburante/dp/B00PHVPHUK/ref=sr_1_2?ie=UTF8&qid=1455736116&sr=8-2&keywords=additivo+liqui+moly+moto+benzina

    L’interesse mio è solo per gli additivi per il carburante, che avrei curiosità di provare. C’è chi dice di averli provati e di aver notato subito una migliore erogazione del motore.

  5. Per la precisione è questo:
    http://ecx.images-amazon.com/images/I/41R-SMlTXmL._SY450_.jpg

    Ne uso circa metà flacone alla volta.

    Se proprio devo essere sincero non noto né ho mai notato miglioramenti dopo averlo inserito nella benzina, ma dato che percorro molti km penso che valga la pena fare un tentativo.

  6. Buonasera Francesco!
    Ti dirò che non è facile distinguere la benzina con etanolo da quella standard. Molte persone fanno il pieno di E10 senza saperlo poiché il costo è lo stesso.

    A me è capitato di usarla soprattutto in Germania dove in certi casi mi è stato difficile reperire la super 95 standard.

    Problemi non ce ne sono stati, ma di certo non la userei abitualmente né la lascerei nel serbatoio per lungo tempo.

    In genere sulla pistola che eroga il carburante è presente una dicitura come questa:
    http://www.tagesspiegel.de/images/heprodimagesfotos82420131213ezehn-jpg/9211206/2-format43.jpg
    Oppure così:
    http://www.strom.org/wp-content/uploads/2013/01/Fotolia_31793772_Subscription_Monthly_XL.jpg

  7. Un saluto a tutti.
    Io non sono un chimico ma se parliamo di “ottani” nelle benzine, ci stiamo senz’altro riferendo alla possibilità di trarre energia dal combustibile senza causare danni al motore: detta in parole povere, si può aumentare la potenza ottenuta, a parità di consumo, aumentando (anche) il noto “rapporto di compressione”. Questo però impone l’uso di benzine ad alto ottano in quanto meno detonanti, cioè meno “distruttive” e più “progressive” durante la combustione. Ora, dato che il rapporto di compressione della nostra moto non è variabile, se adoperano una benzina ad alto ottano, potremo solo notare una migliore “fluidità” di funzionamento soprattutto con marce alte, regime basso o medio ed acceleratore spalancato (condizione in cui “il rapporto di compressione del motore esprime tutto il suo potenziale” – mi perdonino gli ingegneri ma voglio farmi capire da tutti).
    Infine, come spesso avviene nelle auto, le moto più moderne potrebbero (attraverso i sensori di detonazione) “riconoscere” la qualità del carburante ed adottare delle logiche di iniezione/accensione più performanti che producono miglioramenti prestazionali più sensibili.

  8. Ma siamo proprio sicuri che la storia della centralina che riconosce il carburante sia vera? Come spieghi tutte quelle automobili a gasolio, anche piuttosto moderne, che fumano come ciminiere e intossicano chi segue? Ti sei mai trovato dietro un’automobile a gasolio euro 5-6-7-100.000 in salita? Sinceramente puzzano esattamente come quelle di 20 anni fa.

    Hai prove scientifiche riguardo al discorso della centralina che riconosce il tipo di carburante?
    Oppure funziona soltanto sui motori a benzina?

    Boh, a me sembra un po’ la solita storiella per far credere alle persone che possiedono un mezzo all’avanguardia e “smart” (un po’ come i cellulari, che di intelligente hanno però ben poco).

    Confermo i benefici delle benzine a 100 ottani avendole testate personalmente. In media mi permettono di percorrere circa 20-30 km in più con un pieno (da 400 a 420 km). Il motore appare più pronto soprattutto nelle riprese senza tuttavia diventare scorbutico (anzi, è più fluido).

  9. Ciao Luca.
    In effetti parlavo solo di “ottani”, quindi con riferimento ai soli motori a ciclo otto (cioè a benzina). Questi propulsori sono dotati (da oltre dieci anni, per le autovetture) di un particolare sensore capace di riconoscere l’eventuale insorgenza di detonazione ed adeguare opportunamente la gestione elettronica (a scapito del rendimento).
    Con benzine ad alto ottano, la detonazione è mitigata dalle proprietà chimiche della carburante stesso e quindi il motore può essere sfruttato al meglio.
    Per la cattiva combustione nel diesel, il discorso è ben diverso e molto spesso imputabile a carenza di manutenzione (leggi filtri aria intasati all’inverosimile) e cattive abitudini di guida (riprese con una o anche due marce in più del dovuto, sfruttando oltremodo la tipica elasticità del turbodiesel). Queste due condizioni possono comportare la produzione di fumo anche in un diesel in perfette efficienza e con molti link sulle spalle…

Lascia un commento