Abbigliamento ad alta visibilità e consigli pratici per motociclisti e scooteristi che vogliono rendersi visibili

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Cultura e Mal-Educazione Stradale | il 29-01-2015

cellulare_guida_incidentiPartiamo da un dato di fatto: gli automobilisti sono distratti. Quando entrano nei loro scatoloni metallici dotati di tutti i comfort e le protezioni si sentono al sicuro e dimenticano di avere fra le mani un oggetto potenzialmente distruttivo. La sicurezza degli altri utenti della strada passa dunque in secondo piano. Gli incidenti stradali sono solitamente il risultato della disattenzione e dell’imperizia generate dal falso senso di sicurezza di chi siede dietro il volante.

Un secondo dato di fatto è che molti motociclisti e scooteristi viaggiano a velocità troppo elevata rispetto al contesto e non permettono alle altre persone presenti sulla strada di avvistarli con il dovuto anticipo. Alcuni dueruotisti, poi, creano situazioni di pericolo in maniera del tutto volontaria, per esempio eseguendo sorpassi azzardati. Bisogna innanzitutto eliminare tali cattive e pericolose abitudini. Fatto ciò possiamo passare all’utilizzo di alcuni accorgimenti e strategie che ci permetteranno di essere più facilmente riconoscibili e prevedibili.

Farsi notare significa intercettare l’attenzione degli automobilisti normalmente con la testa fra le nuvole, permettendo loro di prendere atto della nostra presenza. Considerando che circa la metà degli incidenti che vedono come vittime i motociclisti sono causati in toto o in parte da chi guida altri veicoli, penso che imparare a farsi notare sia un ottimo punto di partenza per migliorare la propria sicurezza personale sulle strade.

Partiamo dal modo più semplice per rendersi visibili:

Leggi il resto di questo articolo »

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Articoli che ogni bravo motociclista dovrebbe leggere: guida difensiva, frenata, peso della moto, stili di guida, pneumatici…

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Cultura e Mal-Educazione Stradale, Mototecnica e Motocuriosità | il 12-01-2015

Raccolgo qui gli articoli più importanti che ho pubblicato sino a questo momento. Consiglio a tutti i motociclisti, neofiti ed esperti, di leggerli con attenzione. Sono certo che non faranno male a nessuno, anzi!

 

1) Iniziamo con le basi tecniche implicate nella dinamica delle moto. Baricentro, effetto giroscopico, controsterzo, controbilanciamento e utilizzo della frizione:
Come imparare veramente a guidare una moto: le basi tecniche che nessuno vi spiegherà mai…

2) Continuiamo con la frenata. Come si frena in moto? Lo spiego dettagliatamente nel seguente articolo:
Come frenare in moto: falsi miti e credenze

3) Passiamo ora alla Guida Difensiva. Come guidare nel miglior modo possibile ed evitare i rischi più comuni:
La Guida Difensiva in Moto/Scooter

4) Il peso della moto. Esso non è un problema o un ostacolo, bensì un alleato della guida stradale:
La fissazione del “motociclista” italiano per il peso! (non il proprio ma quello della propria moto…)

5) La potenza della moto. Perché non servono tanti cavalli per divertirsi e diventare ottimi Motocislisti:
Meno capacità = Moto più potente

6) I differenti stili guida veloce. Ginocchio a terra oppure piede a terra? Il ruolo del baricentro nella gestione della moto:
Perché i piloti di velocità sporgono dalla moto e mettono il ginocchio a terra

7) Come non andare in moto. Il peggior modo di condurre un motoveicolo, ossia mettersi in pericolo senza motivo:
Come non andare in moto: spunti di riflessione partendo da un articolo di Motociclismo.it

8) I 20 comportamenti da evitare in moto. Lista di azioni, pensieri ed errori da evitare quando si è alla guida:
Le 20 cose da non fare MAI quando si guida una moto o uno scooter

9) Pneumatici per moto e scooter. Come sono fatti, come funzionano, come sceglierli:
Pneumatici per moto e scooter: tipologie, durata e consigli

10) Il casco da moto/scooter. Criteri per la scelta:
La scelta del casco per moto/scooter: una scelta da non sottovalutare

11) Scegliere la prima moto. Consigli per i neo-motociclisti:
Consigli per la scelta della prima moto/scooter: per giovani e meno giovani


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dimenticavo…. Auguro un 2015 pieno di viaggi e belle esperienze motociclistiche a tutti voi!

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

La Guida Difensiva in moto/scooter: come prevenire gli errori (propri e altrui)

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Cultura e Mal-Educazione Stradale | il 18-06-2014

guida difensivaLa guida stradale è ricca di insidie e imprevisti. Normalmente le persone non riflettono su questo argomento e usano le strade in maniera poco consapevole. Gli incidenti sono una conseguenza di tale mancanza di consapevolezza.

Incidenti o errori evitabili?

Nel 98-99% dei casi non si dovrebbe nemmeno parlare di “incidente”, quanto di “errore umano“. L’incidente è qualcosa di imprevedibile e incalcolabile, -per esempio lo scoppio improvviso di uno pneumatico che provoca la perdita di controllo del mezzo-, mentre nella guida stradale c’è quasi sempre un errore umano alla base degli scontri. Di solito si tratta di distrazione, falso senso di sicurezza e scarsa comprensione delle basilari regole del buonsenso. Se tutti quanti guidassimo in maniera responsabile e il più possibile aderente al codice della strada, io credo che l’incidentalità si ridurrebbe drasticamente e certi fenomeni particolarmente drammatici come i tamponamenti a catena in autostrada potrebbero addirittura sparire del tutto.

Studiare gli errori comuni per prevenirli

Fatta questa doverosa premessa, veniamo al dunque: la Guida Difensiva per motociclisti e scooteristi. Guidare in maniera difensiva significa imparare a prevenire gli errori, propri innanzitutto e altrui di conseguenza. Alla base c’è un lavoro di analisi e studio delle abitudini personali nonché di quelle più diffuse fra gli altri utenti della strada, automobilisti in particolare, il cui fine è quello di comprendere gli schemi mentali alla base dei comportamenti scorretti. Bisogna dunque imparare ad entrare nella testa degli altri, specialmente delle persone più pericolose, così da poter anticipare le azioni nefaste per la nostra e altrui salute.

Razionalità ed autocritica

Per fare tutto ciò bisogna essere persone dotate di intelligenza e abituate a ragionare sulle cose senza dare nulla per scontato. Se per primi si fa parte del gruppo degli inconsapevoli, beh allora c’è poco da fare! Ma si può sempre tentare di cambiare la propria forma mentis mettendosi in discussione e cominciando a riflettere lucidamente sui propri comportamenti liberi da preconcetti, luoghi comuni ed emotività. Vi avviso immediatamente che la Guida Difensiva richiede impegno e desiderio di mettersi in gioco. Nessuno è perfetto e prima di cominciare a giudicare i comportamenti errati delle altre persone è indispensabile fare autocritica.

Leggi il resto di questo articolo »

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather