Domande e risposte: la scelta della prima moto

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Domande e Risposte | il 19-11-2015

Domanda

Buongiorno, le scrivo innanzitutto per complimentarmi per il suo blog, che ritengo il migliore in rete. Ho letto tutti i suoi articoli e da centauro novizio quale sono, ho imparato molto sulle moto e sul modo corretto di guidarle. Avevo una curiosità a cui spero vorrà e potrà rispondermi, sto per acquistare la mia prima moto, una Triumph Speed Four del 2004, mi domandavo se fosse la scelta giusta come prima moto, trovando molti pareri discordanti sul web e non avendo vicino alcun motociclista esperto, ma solo ” motociclisti da bar”, ho ritenuto giusto chiedere a colui che mi inspirava più fiducia. Grazie anticipatamente, (nome rimosso).

Risposta

Buongiorno (nome rimosso),
diamoci pure del TU se ti va. Dunque, quando si parla di moto bisogna capire una cosa: non tutti sono fatti per andare in moto. Il problema non sono i mezzi meccanici ma le persone. C’è chi non riesce a vivere in maniera sana neppure la guida di un piccolo scooter, e chi guida moto potenti con perizia e responsabilità.


Ora, tu mi dici che hai letto i miei articoli trovandoli utili e condivisibili. Io mi azzardo a dire che tu molto probabilmente possiedi lo spirito giusto per goderti la moto nel migliore dei modi. Sarò un pochino presuntuoso, ma raramente sbaglio quando giudico una persona a prima vista.

Premesso ciò, se a te piace la Triumph Speed Four io non ci vedo proprio niente di sbagliato se decidi di farne la tua prima moto. Gli unici modelli che sconsiglio ai neofiti sono le supersportive, non tanto per i mezzi in sé quanto per la mentalità delle persone che decidono di entrare nel mondo del motociclismo partendo dalla velocità. A queste persone sconsiglio del tutto di acquistare una moto finché non sviluppano una visione più matura della guida stradale.

Vai tranquillo con la tua Triumph e cerca di resistere alla tentazione di viaggiare in gruppo per i primi tempi. Nel dubbio, rallenta. Quando ti capita un imprevisto cerca sempre di ragionarci sopra per evitare che accada di nuovo in futuro. Ma devi anche allontanare le persone che ti trasmettono negatività associando la moto alla velocità, al rischio e alla paura.
(molti non riescono a farlo e diventano a loro volta negativi)

Mantieni un atteggiamento positivo e vedrai che andare in moto ti renderà una persona più felice. Parola mia!
E ricorda, meglio soli che male accompagnati!

Se vuoi tienimi aggiornato…

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Articoli che ogni bravo motociclista dovrebbe leggere: guida difensiva, frenata, peso della moto, stili di guida, pneumatici…

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Cultura e Mal-Educazione Stradale, Mototecnica e Motocuriosità | il 12-01-2015

Raccolgo qui gli articoli più importanti che ho pubblicato sino a questo momento. Consiglio a tutti i motociclisti, neofiti ed esperti, di leggerli con attenzione. Sono certo che non faranno male a nessuno, anzi!

 

1) Iniziamo con le basi tecniche implicate nella dinamica delle moto. Baricentro, effetto giroscopico, controsterzo, controbilanciamento e utilizzo della frizione:
Come imparare veramente a guidare una moto: le basi tecniche che nessuno vi spiegherà mai…

2) Continuiamo con la frenata. Come si frena in moto? Lo spiego dettagliatamente nel seguente articolo:
Come frenare in moto: falsi miti e credenze

3) Passiamo ora alla Guida Difensiva. Come guidare nel miglior modo possibile ed evitare i rischi più comuni:
La Guida Difensiva in Moto/Scooter

4) Il peso della moto. Esso non è un problema o un ostacolo, bensì un alleato della guida stradale:
La fissazione del “motociclista” italiano per il peso! (non il proprio ma quello della propria moto…)

5) La potenza della moto. Perché non servono tanti cavalli per divertirsi e diventare ottimi Motocislisti:
Meno capacità = Moto più potente

6) I differenti stili guida veloce. Ginocchio a terra oppure piede a terra? Il ruolo del baricentro nella gestione della moto:
Perché i piloti di velocità sporgono dalla moto e mettono il ginocchio a terra

7) Come non andare in moto. Il peggior modo di condurre un motoveicolo, ossia mettersi in pericolo senza motivo:
Come non andare in moto: spunti di riflessione partendo da un articolo di Motociclismo.it

8) I 20 comportamenti da evitare in moto. Lista di azioni, pensieri ed errori da evitare quando si è alla guida:
Le 20 cose da non fare MAI quando si guida una moto o uno scooter

9) Pneumatici per moto e scooter. Come sono fatti, come funzionano, come sceglierli:
Pneumatici per moto e scooter: tipologie, durata e consigli

10) Il casco da moto/scooter. Criteri per la scelta:
La scelta del casco per moto/scooter: una scelta da non sottovalutare

11) Scegliere la prima moto. Consigli per i neo-motociclisti:
Consigli per la scelta della prima moto/scooter: per giovani e meno giovani


 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dimenticavo…. Auguro un 2015 pieno di viaggi e belle esperienze motociclistiche a tutti voi!

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather

Consigli per la scelta della prima moto/scooter. Per giovani e meno giovani!

Scritto da Luca Govoni | Pubblicato in Cultura e Mal-Educazione Stradale | il 12-02-2014

lego-chopperCome sempre voglio fornirvi una mia guida personale, incentrata in questo caso sulla scelta della prima moto. Cercherò di darvi consigli pratici partendo dalle tante idiozie che circolano a proposito delle due ruote a motore. Prima di tutto serve una piccola predica, come di consueto!

Allora, partiamo col dire cosa non è una moto.

Le moto – e gli scooter – non sono giocattoli. Sono oggetti meccanici indubbiamente molto attraenti, ma non possiedono un’anima. In molti vi diranno che la moto deve trasmettere emozioni e che ha una sua personalità. Tutte sciocchezze. Stiamo parlando di mezzi meccanici costruiti dall’essere umano, pertanto del tutto privi di coscienza e personalità. Semmai è il Motociclista che si emozionerà pilotando la propria moto, sentendosi completamente in sintonia con essa e con il mondo circostante. Ci si può emozionare anche a bordo di una Lambretta: sta tutto nel modo in cui si decide di vivere l’esperienza…
Le sensazioni piacevoli provengono da noi stessi, non dal mezzo meccanico che guidiamo. Perciò se siete in cerca di forti emozioni in quanto aridi e apatici, o peggio ancora perché volete dimostrare qualcosa a qualcuno, state sbagliando tutto. Vivrete la moto nel peggiore dei modi e finirete anche per odiarla. Se state inseguendo velocità e adrenalina, pieghe al limite e sfide con amici, per questo esistono i circuiti asfaltati e le piste da motocross/enduro. Quindi, se avete intenzione di acquistare uno scooter perché siete automobilisti frustrati che vorrebbero poter fare sorpassi azzardati e sfrecciare in mezzo agli altri mezzi a tutta velocità per arrivare con un paio di minuti di anticipo, vi invito a lasciare immediatamente questo sito web poiché non fa decisamente per voi. Vi invito ad abbandonarlo anche se la vostra intenzione è quella di provare l’ebbrezza della velocità in strada, magari in sella ad una moto sportiva. Ancora non possedete un’anima da Motociclisti. Potrete tornare su questo blog quando vi sarete liberati degli schemi mentali distruttivi frutto dei luoghi comuni e dei pregiudizi. Per il momento vi consiglio di non acquistare alcuna moto/scooter. La moto non è dunque un oggetto sul quale scaricare frustrazioni e perversioni.

E con questo ho definito cosa non sia una moto. Giacché amo fare uso di un linguaggio di stampo positivo, di tanto in tanto, ora vi descriverò cosa invece sia una moto secondo il mio punto di vista.

Leggi il resto di questo articolo »

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather